carote e patate

Le verdure e l’inizio dello svezzamento

Parliamo delle verdure utilizzate all’inizio dello svezzamento. Le verdure sono ricche di vitamine e sali minerali, sono indispensabili per crescere in modo sano e contribuiscono a dare al nostro corpo un nutrimento per i tessuti e per gli organi.

All’inizio dello svezzamento vengono inserite le prime verdure idonee per essere assimilate in modo corretto dal piccolo.

Troviamo nella lista delle verdure concesse: patate, carote, sedano, cipolla, lattuga, zucca, zucchine e fagiolini.

Consiglio sempre di assumere alimenti stagionali non solo per una questione economica, ma anche di rispetto verso quello che madre natura ci offre.

Ora siamo in inverno per cui tranne i fagiolini e le zucchine troviamo tutti gli altri ingredienti.

Si possono mondare  tutte le verdure lavandole molto bene, poi tagliandole a piccoli pezzetti e mischiandole tra di loro come quando si prepara il minestrone. Si possono anche fare piccole porzioni da congelare in modo da averle sempre pronte.

Possiamo realizzare un’ottima base vegetale, mettendo a bollire, rigorosamente senza sale; una volta cotte si filtra il brodo che conserverete in frigo per uno o due giorni al massimo, ma è sempre meglio farlo fresco ogni giorno.

I primi approcci dovranno essere graduali. Nel caso in cui si debba iniziare lo svezzamento prima dei 4 mesi potete cominciare a darlo con il biberon in modo da abituare il bambino ai nuovi gusti ma mantenere la sua abitudine alla suzione della tettarella.

Sono diverse le ricette che si possono realizzare con il brodo vegetale, il mio pediatra mi faceva fare questa pappa:

  • 200 cc di liquido (brodo vegetale)
  • un cucchiaino di olio
  • grana grattugiato
  • un cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiai di crema di riso, mais o tapioca,
  • un liofilizzato di carne
  • 2 biscotti primi mesi.

Mi ricordo che feci una faccia davvero stupita, non mi sembrava il massimo mettere lo zucchero o i biscotti nella minestra, ma lui mi disse che i bambini così piccoli come gusto conoscono solo il dolce per cui non usando sale per loro non era un alimento così strano.

Seguii il suo consiglio e non mi trovai per nulla male.

Successivamente e gradualmente con il crescere del bambino si andrà a variare la consistenza con altri ingredienti per rendere la pappa più appetibile e adatta ad essere assimilata con il cucchiaino.

di Giorgia Piras

L'Autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *